Tv curva contro Tv piatta: ha davvero senso o si tratta solo di moda?

Tv curva o Tv piatta? Questo è il dilemma degli appassionati di elettronica e di tecnologia, che si chiedono quanto, effettivamente, ci sia di innovativo, funzionale e sensazionale in un prodotto come il televisore a schermo ricurvo, e quale sia invece il ruolo della moda e del marketing per un prodotto del genere. E quanto questo passo avanti tecnologico possa rappresentare un evidente milgioramento nella visione dei film.

la tv curva cambia la vita

Sono tante le aziende che stanno portando avanti una nuova tipologia di prodotti, come appunto lo schermo curvo per le Tv: si tratta di una sorta di rivoluzione, che sembra pronta ad entrare nelle case delle famiglie, anche se per molti, ancora, non è chiaro in che modo questa rivoluzione possa funzionare, e se valga la pena di spendere del denaro per una Tv curva.

Tv curva contro Tv piatta: la seconda è una nuova tendenza in fatto di televisori, pronta, secondo le aziende che la promuovono, a regalare sensazionali esperienze visive davanti alla tv, mentre la prima rappresenta la certezza, la sicurezza e la tradizione.

Dal punto di vista del design e dell’elettronica, parlare di rivoluzione è molto importante, perché i produttori cercano continuamente delle innovazioni nei loro prodotti, non solo per quel che concerne il lato puramente estetico, ma anche per quel che riguarda la funzionalità. Ma nel nuovo design delle Tv curve, quanto c’è di funzionale e quanto effettivamente può essere da considerarsi come il semplice prodotto di una nuova moda da cavalcare?

Tra le aziende che hanno promosso e che continuano a promuovere la Tv ricurva vi sono LG e Samsung: due veri e propri colossi dal punto di vista dell’elettronica, che solo per il nome che portano sembrano essere anche portatori di garanzia. Ma quanto gli appassionati sono disposti a spendere e ad investire in un prodotto che parla di innovazione, ma che effettivamente non offre alcuna garanzia da questo punto di vista?

È sicuramente certo che lo schermo ricurvo è, per molti, sinonimo di novità nel campo della tecnologia e dell’elettronica: ma non sempre novità fa rima con funzionalità, e per questo motivo è molto importante cercare di fare luce sulle tendenze dell’ultimo momento.

Abbiamo parlato di estetica e di funzionalità: anche per quel che riguarda i prodotti elettronici, queste due caratteristiche non devono mai mancare, ed in effetti i produttori ed i creatori di questi prodotti sono alla continua ricerca di una via di mezzo tra il gusto estetico, la bellezza del prodotto, e la sua funzionalità.

Cercando di applicare queste due caratteristiche ai televisori di ultima generazione – quelli con lo schermo ricurvo, per l’appunto – capiremo come, anche se da un lato si può parlare di estetica e di nuove ricerche del design, non a tutti i costi queste innovazioni possono avere un loro riscontro anche dal punto di vista pratico e funzionale. Ecco, quindi, alcuni punti che bisogna sottolineare nella diatriba tra Tv a schermo piatto e Tv a schermo ricurvo.

  1. Cosa vuole (e cosa impone) la moda. Solo qualche anno fa, la moda imponeva delle innovazioni estetiche e funzionali nel settore dell’elettronica e della tecnologia, proponendo al mondo delle Tv a schermo ultrapiatto, con una serie di funzionalità che, secondo stesse garanzie delle aziende produttrici, offrivano esperienza indimenticabili di visione. Le stesse esperienze che vengono raccontate adesso, dagli stessi produttori che propongono Tv a schermo ricurvo: senza voler entrare nel merito delle spiegazioni tecniche, sembra abbastanza semplice comprendere che la moda gioca un ruolo importante nell’affermazione di questo genere di prodotti, anche quando questi prodotti non mantengono le promesse fatte.
  2. Lo schermo ricurvo riflette meno la luce. Sappiamo tutti quanto sia fastidioso, in pieno giorno, guardare la tv quando ci troviamo dietro ad una finestra che riflette tutta la luce sullo schermo televisivo: secondo quanto è promosso dalle aziende produttrici di questo tipo di prodotti, una superficie curva dovrebbe curva dovrebbe riflettere meno luce rispetto ad una Tv a schermo piatto. Ciò dovrebbe avvenire perché la superficie che viene proiettata è inferiore. In realtà, però, ciò non è del tutto vero perché la visione dipende sia dalla posizione dello spettatore, sia dalla posizione delle fonti di luce. Di solito, per questo motivo, si consiglia sempre di posizionare computer e televisori in una posizione in cui la luce provenga dal lato, in modo da apportare qualche beneficio alla visione dello schermo.
  3. Angolo di visione, non sempre migliore. Secondo quanto promesso, sembrerebbe che vedere la tv con schermo ricurvo sia maggiormente gratificante perché consentirebbe di avere un angolo di visione migliore per tutti. Proprio per via della forma avvolgente ed in qualche modo ‘chiusa’, questa affermazione non può essere vera: infatti, chi si trova di fronte ad una Tv a schermo ricurvo ha un’esperienza di visione che cambia in base alla sua posizione. Chi si trova al centro, avrà un angolo di visione perfetto, avvolgente, proprio come vuole la definizione dello schermo ricurvo, ma chi si trova ai lati o in altre posizioni, non potrà dire di avere la stessa esperienza positiva.
  4. Lo schermo ricurvo è più coinvolgente. Questa definizione merita un approfondimento: infatti, lo schermo ricurvo dei nuovi televisori consente di avere un’esperienza più gratificante grazie alla particolare forma dello schermo, e ciò farebbe pensare anche che si tratti di una visione più coinvolgente ed avvolgente. È vero che la visione è più avvolgente, ma è anche vero che per esserlo davvero, lo schermo dovrebbe essere molto grande, esattamente come quello del cinema. E naturalmente, ciò non è ancora possibile.
  5. Lo schermo ricurvo fa sembrare la Tv più grande. Si tratta di una definizione in parte vera, perché sotto il profilo matematico è vero che una Tv curva sembra più grande, a parità di dimensioni, di una a schermo piatto. Però, man mano che ci si allontana dallo schermo, l’affermazione perde il suo valore. Anzi, addirittura allontanandosi molto, ci sembrerà che lo schermo sia più piccolo.

Conclusioni: reali vantaggi dello schermo Tv ricurvo

Sembra proprio che, sulla base delle analisi fatte, non si possa dire che le nuove Tv a schermo ricurvo mantengano delle precise promesse. Anzi, sembra proprio che gli acquisti di questo genere di Tv siano dettati più dalla moda del momento che da reali vantaggi o benefici: pur essendoci in effetti dei benefici, non si può comunque dire che essi siano tali da giustificare, da soli, una spesa consistente.

Certo, la situazione potrebbe anche migliorare, proprio prendendo spunto dai benefici apportati dallo schermo ricurvo, come ad esempio la riduzione dei riflessi, le dimensioni percepite, ma al momento ciò che sembra guidare nell’acquisto di un Tv del genere, è la moda del momento.

I commenti sono chiusi